Cubismo e Sicilia 20-23 maggio 2016

13133180_1006833782687821_5550885172553492305_n

Sono stati ufficializzati il logo e il programma dell’Inverdurata 2016

separatore

Locandina e bando Inverdurata 2016

loca-inverdurata_rid

E’ ufficiale la locandina della XIII edizione dell’Inverdurata ed è altresì ufficiale il bando e il regolamento della manifestazione reperibile alla voce di menu Bando Inverdurata 2016

separatore

 

La ripresa oltre la crisi: Oscar Farinetti cita Diego Della Valle, noi citiamo “Gli Orti per l’Arte”

In questo momento di crisi , ci sentiamo di proporre agli amici la lettura di questo articolo di Rossella Gigli che condividiamo completamente.

Il corso degli eventi e l’evoluzione della società non sono processi facili da leggere se vi si è immersi nel ruolo di comprimari contemporanei, a meno che non si disponga della (rara) capacità di guardare criticamente il mondo che ci circonda.


Agli osservatori più attenti non sfugge per esempio che, anche in un periodo di crisi profonda come quello che stiamo attraversando, il nostro Paese è intrinsecamente dotato delle risorse e delle risposte per rialzare la testa ed avviare un nuovo “Rinascimento”.

La chiave di lettura della ripresa non è poi così difficile da trovare: quel che distingue l’Italia da qualsiasi altro paese al mondo è tanto evidente da essere sotto gli occhi di tutti. Siamo una nazione con una storia unica: la nostra fortuna “geografica” è stata quella di costituire l’approdo per la colonizzazione da parte di diverse civiltà, ognuna delle quali ha arricchito l’Italia con i suoi lasciti culturali. Siamo stati la seconda patria della Grecia antica, la sede dell’Impero Romano, la culla della Chiesa, la terra dei più celebri artisti, dei sommi poeti, degli architetti e degli inventori.

L’Italia è il cuore (ancora) pulsante dell’Europa: basta volerlo vedere, sgombrando la mente dai fumi del pessimismo.

Concordiamo dunque con le parole di Oscar Farinetti, l’imprenditore del concept store Eataly, quando prevede per il nostro Paese un futuro luminoso e dichiara: “Tra dieci anni, l’Italia sarà il Paese più ricco d’Europa. Non è una battuta, ma una previsione realistica.”

Nella sua analisi, Farinetti ha indicato come via privilegiata l’agricoltura e ha citato quale “testimonianza di impegno morale e di comportamento etico” per le aziende l’imprenditore Diego Della Valle, il quale ha destinato 25 milioni di euro per il restauro del Colosseo; noi, nel nostro piccolo, indichiamo le esperienze de “Gli Orti di Venezia”, prima, e de “Gli Orti per l’Arte”, oggi (leggi qui), come paradigmatiche di un nuovo modo di fare impresa, che risponde alla necessità di impegnarsi per il rilancio, chiamando anche i concittadini ad una partecipazione attiva.

Che una delle strade da percorrere per la rinascita dell’Italia stia in un proficuo connubio tra agroalimentare e patrimonio artistico-culturale italiano, l’avevamo già scritto esattamente un anno fa, nel nostro editoriale: “La cultura e l’arte pagano sempre… e potrebbero farlo anche in ortofrutta!“, cui rimandiamo i nostri lettori per un approfondimento.

A nostro avviso, il settore ortofrutticolo può essere uno degli artefici di una generale rinascita dell’Italia… e non siamo i soli a pensarlo!

Data di pubblicazione: 28/05/2013
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it

separatore

 

“Il Pomodoro Italiano e’ sostenibile”: due giorni in Sicilia riservati ai buyer della grande distribuzione

Il Consorzio Il Pomodoro Italiano, in collaborazione con Syngenta e Sata, invita a scoprire “Le Produzioni Italiane Sostenibili” giovedì 20 e venerdì 21 giugno 2013. A ISPICA (RG)

 

L’evento, rivolto in primo luogo ai buyer della grande distribuzione, rappresenta l’opportunità di conoscere da vicino la realtà del Consorzio Il Pomodoro Italiano e, soprattutto, la concretezza delle garanzie di autenticità, eccellenza e sostenibilità che coprono le più pregiate produzioni orticole italiane, in particolare nell’ambito del pomodoro da mensa.

La due giorni in Sicilia, infatti, prevede la presentazione al pubblico dei più innovativi sistemi di produzione integrata applicabili grazie all’adozione delle soluzioni Sinergie per l’orticoltura di Syngenta e la visita alla serra vetrina con la possibilità di vedere, toccare con mano e gustare i frutti delle produzioni italiane sostenibili.

—-
pomodorino-sostenibileIl Consorzio Il Pomodoro Italiano, fondato nel dicembre 2007 dall’aggregazione delle più qualificate realtà del mondo produttivo nazionale, mira a promuovere e tutelare l’autenticità, l’eccellenza e la sostenibilità delle produzioni orticole italiane grazie anche all’applicazione delle soluzioni Sinergie per l’Orticoltura di Syngenta, con particolare riguardo alle varietà di pomodoro Dunne e Camone di cui detiene l’esclusiva.

Forti della loro esperienza e delle grandi dimensioni delle proprie aziende, collocate in aree a vocazione strategica per la produzione, i soci produttori aderenti al Consorzio propongono un nuovo modello di orticoltura sostenibile in grado di rispondere alle esigenze di filiera in termini di omogeneità varietale e produttiva, ampiezza e profondità dell’offerta, garantendo sicurezza e fiducia per il consumatore

Syngenta è l’unico Gruppo mondiale interamente dedicato all’Agribusiness in grado di proporre un’offerta in cui l’integrazione tra le competenze, le risorse scientifiche e il supporto tecnico commerciale produce soluzioni innovative e ad alto valore aggiunto, costantemente in linea con l’evolversi delle esigenze dell’intera filiera agricola. Syngenta è in grado di fornire un supporto costante e adeguato a tutti gli operatori che scelgono di fare un’agricoltura al passo con i tempi, puntando su innovazione, qualità e sostenibilità, per produrre di più e meglio.

SATA è una società di agronomi a servizio della filiera vegetale, dalla produzione di campo alla distribuzione, sino ad arrivare al consumatore. E’ partner attivo di Sinergie nel fornire input progettuali, conoscenze ed esperienze tecniche sulla filiera, redazione di protocolli di produzione/lavorazione, formazione a produttori e centri di lavorazione, servizi di assistenza tecnica e analisi di laboratorio, controlli merceologici e sulla shelf life, indagini presso consumatori e punti vendita, analisi dei dati e reportistica.

Sinergie per l’Orticoltura è la soluzione di produzione integrata per sostenere la competitività delle produzioni orticole italiane e soddisfare la crescente richiesta di prodotti salubri, sicuri e conformi ai criteri di sostenibilità economica, sociale e ambientale. Sinergie combina genetica d’avanguardia, protezione delle colture, insetti ausiliari e servizi ad alto valore aggiunto, al fine di massimizzare le potenzialità agronomiche e le caratteristiche qualitative delle produzioni, a beneficio dell’intera filiera. Specifici protocolli di coltivazione Sinergie sono stati studiati e sperimentati per pomodoro, peperone, zucchino, melanzana, fragole e ornamentali per fornire alla filiera un’offerta innovativa, mirata a soddisfare la richiesta sempre crescente di prodotti che siano non solo sicuri, controllati e affidabili, ma anche frutto di Produzioni Italiane Sostenibili.

Fonte:  FRESHPLAZA.IT

separatore

La domenica di Cantine Aperte in 31 aziende siciliane

C’è l’imbarazzo della scelta con 31 aziende vinicole siciliane pronte a mostrarsi e a raccontarsi agli amanti del buon bere.

Ma dove sono le cantine del Val di Noto? Un plauso al Feudo Ramaddini, al Feudo Rudinì,  all’Azienda Agricola Planeta  le uniche cantine che aderiscono al movimento turismo del vino.

Che vogliate fare poca o molta strada con le vostre auto le possibilità sono svariate. Domenica 26 maggio è in programma la ventunesima edizione di Cantine aperte, la manifestazione organizzata da Movimento turismo del vino. Un appuntamento da non perdere per ogni foodiedriver che si rispetti.

dcantine-aperteDa ben 21 anni, nell’ultima domenica di maggio, le cantine socie del Movimento Turismo del Vino aprono le proprie porte al pubblico, favorendo un contatto diretto con gli appassionati del vino. 
L’interesse verso l’evento è cresciuto notevolmente di anno in anno ed ha attirato sempre più l’attenzione di turisti e residenti, incuriositi dalla manifestazione ma soprattutto desiderosi di fare un’esperienza di grande valore culturale e umano”.

INDIRIZZI CANTINE

AGRIGENTO
Feudo Arancio
Contrada Portella Misilbesi
Sambuca di Sicilia (Ag)
Tel: 0925579000 Fax: 092531540
www.feudoarancio.it
Tenuta Barone La Lumia
Contrada Pozzillo Licata (Ag)
Tel: 0922891709 – 3483102563
www.baronelalumia.it –

Aziende Agricole Quignones
Contrada Sant’Oliva Licata (Ag)
Tel. 3286241959 Fax: 0922776605
www.quignones.it Rizzuto Guccione
Contrada Piconello
Cattolica Eraclea (Ag)
Tel. 3738121775 Fax 09221894078
www.rizzutoguccione.com

CALTANISSETTA

Feudi del Pisciotto
Contrada Pisciotto s.n.
Niscemi (Cl)
Tel: 09331930280 Fax: 0916090065
www.feudidelpisciotto.com
Masseria del Feudo
Contrada Grottarossa
Caltanissetta
Tel. 0934569719 Fax 0922856755
www.masseriadelfeudo.it

CATANIA

Cottanera
Strada provinciale 89
Castiglione di Sicilia (Ct)
Tel. 0942963601
www.cottanera.it –

Cantine Valenti
Via Roma 42 (Passopisciaro)
Castiglione di Sicilia (Ct)
Tel. 0942983916
www.vinicolavalenti.com

Azienda Agrituristica Etna wine
Strada statale 12 km191+900 (Passopisciaro)
Castiglione di Sicilia (Ct)
Tel. 095 931548 – 0942 983062
www.etnawineagriturismo.com –

Cantine Russo
Via Corvo (Solicchiata)
Castiglione di Sicilia (Ct)
Tel. 0942 986271 Fax +39 0942 986598
www.cantinerusso.eu –

Cantine Don Saro
Contrada Arrigo Linguaglossa (Ct)
Tel. 095 386245 – 3317899258 Fax 095 373767
www.donsaro.com

Cantine Nicosia
Via Luigi Capuana – Trecastagni (Ct)
Tel. 095 7806767 Fax 095 7808837
www.cantinenicosia.it –

Tenuta Scilio di Valle Galfina
Contrada Arrigo – Sp linguaglossa-zafferana km 2
Linguaglossa (Ct)
Tel. 095 932822 – 348 8629754
www.scilio.it

ENNA
Gigliotto Tenute
SS 117 bis km 60 Contrada Gigliotto
Piazza Armerina (En)
Tel. 0933 970898 – 0933 979092 Fax 0933 970898
Web: www.gigliottotenute.com –

MESSINA

Cambria
Contrada San Filippo – Furnari (Me)
Tel. 0941 840214 – 320 4684353
Web: www.cambriavini.com

PALERMO

Marchesi de Gregorio
Contrada Sirignano – Ss 119 direzione Alcamo, km 13
Monreale (Pa)
Tel. 091 2515281 – 347 9782640
www.marchesidegregorio.it –

www.sirignanowineresort.it

Tenuta Regaleali
Contrada Regaleali – Sclafani Bagni (PA)
Tel. 0921 544011 Fax 0921 542783
Alessandro di Camporeale
Contrada Mandranova – Camporeale (Pa)
Tel: 0924 37038
www.alessandrodicamporeale.it

 

Tenuta Sallier de la Tour
Contrada Pernice – Camporeale (PA)
Tel. 091 645 9711
Baglio di Pianetto
Via Francia – contrada Pianetto
Santa Cristina Gela (Pa)
Tel. 091 8570002 – 345 1004521 Fax 091 8570015
www.bagliodipianetto.com

Abbazia Santa Anastasia
Contrada Santa Anastasia – Castelbuono (Pa)
Tel. 0921.671959 – 0921 672527 331 3189777
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E’ necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.abbaziasantanastasia.it

NECESSARIA PRENOTAZIONE

RAGUSA
Azienda agricola Paolo Calì
Via Frappato 100 – Vittoria (Rg)
Tel. 0932 510082

SIRACUSA
Azienda Agricola Planeta
Contrada Buonivini – Noto (Sr)
Tel. 0925 1955460 Fax. 091 6124335
www.planeta.it

Feudo Rudinì
Contrada Camporeale – Pachino (Sr)
Tel. 0931 595333 Fax 0931 801101
– www.vinirudini.it

Azienda Agricola Pupillo
Contrada Targia  Siracusa
Tel. 0931 494029 – 339 5700843 Fax 0931 490498
www.pupillowines.com

Cantina Barone Gandolfo di San Giuseppe
presso Az. Agr. Laganelli strada San Domenico 5
Siracusa
Tel. 334 317892
Feudo Ramaddini
Contrada Lettiera – Marzamemi (Sr)
Cell 366 7208225 Fax 0931 1847100
www.feudoramaddini.com –

TRAPANI

Cantine Florio
Via Vincenzo Florio 1 – Marsala (Tp)
Tel. 0923 781305-781317-781111
www.cantineflorio.it

Donnafugata
Via S. Lipari 18 – Marsala (Tp)
Tel. 0923 724206
www.donnafugata.it –

NECESSARIA PRENOTAZIONE

Baglio Oro
Contrada Perino 235 – Marsala (Tp)
Tel. 0923 967744 – 329 9848243
Web: www.bagliooro.it

Azienda Vaccaro
Contrada Comune – Salaparuta (Tp)
Tel. 0924 75151
Web: www.vinivaccaro.it

separatore

Il ciliegino Hathor F1 protagonista di un open day Southern Seed

Qualità, produttività, rusticità della pianta, eleganza del grappolo, le molteplici tolleranze e il gusto incomparabile: sono queste le principali caratteristiche che hanno portato al successo di Hathor F1 anche nel territorio di Pachino, dove la coltivazione del pomodoro ciliegino copre circa l’80% dell’intera superficie coltivata.

Parlando di pomodoro ciliegino, molto spesso si fa riferimento a questa zona di produzione in cui le condizioni pedo-climatiche rendono questo prodotto tipico e caratteristico.

Infatti molte aziende ricadenti in questa area geografica fanno parte del consorzio IGP di Pachino, un marchio che conferisce pregio ad un prodotto già di per sé molto prezioso per il suo valore nutrizionale nonché organolettico.

Proprio nell’interesse di tutte le aziende che operano e ruotano intorno alla coltivazione di questo prezioso ortaggio, Southern Seed ha voluto presentare il pomodoro ciliegino Hathor F1 il quale racchiude in sé tutte le caratteristiche che, sia chi lo produce e sia chi lo dovrà poi consumare, può ricercare in un pomodoro ciliegino.

La scorsa settimana si è svolto uno dei numerosi open day di Southern Seed, dove il protagonista è stato proprio Hathor F1. Nell’azienda del Sig. Michele Mallia, sita in c/da Rinazzi – Pagliarello è stata allestita una serra vetrina dove numerose aziende ed operatori del settore hanno potuto constatare dal vivo le caratteristiche di Hathor F1.

Le aziende hanno anche potuto prendere visione di varietà di pomodori verdi che, alla pari del ciliegino, caratterizzano il territorio.

A guidare le visite all’interno della serra vetrina, per illustrare le principali tolleranze di Hathor F1 (TYLCV, FOL 1-2, T0MV, Va, Vd, TSWV), sono stati il Dott. Carlo Cannella (agente della Southern Seed per la provincia di Siracusa) e il perito agrario Giuseppe Dezio.

“Hathor F1 è il ciliegino che fa per noi produttori, perché vogliamo offrire al consumatore una qualità eccellente ed un gusto che identifichi un intero territorio”, afferma Joe Fortunato, produttore e titolare di una delle più grandi realtà del territorio pachinese, anche lui intervenuto all’evento.

“Hathor F1 è stato una vera rivelazione e ci auguriamo che, i risultati ottenuti in questa serra vetrina, possano essere di buon auspicio per continuare ad offrire ai nostri clienti una qualità sempre maggiore”, dicono il Dott. Di Stefano e il Dott. Galfo della Cooperativa Faro, altra grande organizzazione di produttori di Pachino.

Tra la centinaia di visitatori, hanno partecipato all’evento anche numerose rappresentanze di vivai: come Centro Seia, Vivai dell’Alto e Area Verde i cui tecnici hanno elogiato la rusticità della pianta, le sue tolleranze e l’equilibrio nella fruttificazione.

Ancora una volta Southern Seed ha centrato il suo obiettivo: quello di offrire alle aziende produttrici, nonché a tutte quelle coinvolte nel settore, una varietà  che soddisfi al meglio le loro esigenze di produzione e di qualità, per un prodotto, il ciliegino, che è il fiore all’occhiello della nostra amata terra, la Sicilia.

Southern Seed è lieta di ringraziare l’azienda Mallia Michele per la disponibilità accordata, l’azienda Fortunato, la cooperativa Faro, i vivai, i tecnici e tutte le altre aziende accorse all’evento, che hanno determinato la riuscita dello stesso.

Contatti:
Southern Seed Srl

Via Carlo Alberto, 124
97019 Vittoria (RG)
Tel./fax: (+39) 0932 861054
Email: info@southernseed.it
Web: www.southernseed.it

fonte : Freshplaza.it

separatore

Premio Morgantìnon d’Oro 2013 all’Azienda agricola Gerace di Enna

Il Concorso regionale “Morgantìnon” dedicato agli oli extravergini d’oliva siciliani giunge alla 4ª edizione. Vincitore assoluto per il 2013 l’Azienda agricola Gerace di Enna con il suo olio “Don Carlo del Borgo Antico”. 15 gli altri premi assegnati nelle diverse categorie e 14 le Menzioni speciali

 

È l’Azienda agricola Gerace di Enna con l’olio “Don Carlo del Borgo Antico” ad essersi aggiudicata il Morgantìnon d’Oro 2013, il premio più importante del Concorso regionale dedicato agli oli extravergini siciliani, giunto alla sua 4ª edizione. Mercoledì 8 maggio, presso la sede del Museo archeologico regionale di Aidone (En), che farà da cornice all’evento, si svolgeranno le premiazioni ufficiali degli oli extravergini d’oliva siciliani che hanno gareggiato quest’anno..
Il Concorso regionale “Morgantìnon” degli oli extravergini d’oliva siciliani è realizzato dall’Esa-Ente di sviluppo agricolo in collaborazione con la Provincia di Enna, la Camera di commercio di Enna, il Comune di Aidone, l’assessorato alle Risorse morgantinonagricole e alimentari e il Parco archeologico Morgantina-Aidone. Inoltre forniscono un’importante collaborazione anche lo sportello per la Sicilia orientale dello Sprint e l’Istituto statale “Federico II” di Enna. Nell’occasione sarà presentato il catalogo degli oli del Morgantìnon 2012-13.
Il direttore dell’Esa, Maurizio Cimino, ha commentato: «Il concorso regionale Morgantìnon degli oli extravergini d’oliva siciliani, nato nel 2010 per iniziativa di questo ente, continua a registrare un notevole interesse da parte dei produttori. Ne è testimonianza il fatto che nel 2013 i campioni pervenuti sono stati sempre in sensibile crescita negli anni e proveniengono da tutte le province siciliane, con una grandissima variabilità di nomi, etichette, varietà, territori. Questo ci spinge a continuare nello sforzo comune per fare in modo che il concorso diventi un riferimento insostituibile per tutti quei produttori che vogliono perseguire l’eccellenza delle loro produzioni».
«La provenienza da Morgantina delle preziosità contenute nel Museo Acheologico di Aidone – ha spiegato il sindaco di Aidone, Filippo Gangi – ha suggerito, com’è noto, il nome dato a questo concorso degli oli extravergini d’oliva siciliani, anch’essi proiettati sul mercato, quello agro-alimentare, alla difficile ricerca di un posizionamento consono che renda merito alla bontà e fragranza di questo particolare nettare della nostra terra di Sicilia.Continuiamo a credere che l’accostamento dell’olio extravergine d’oliva siciliano con i nostri beni culturali, risalenti alla Sicilia archeologica, sia del tutto azzeccato storicamente, come è stato spiegato in altre occasioni».
«La Camera di commercio di Enna – ha dichiarato il Commissario ad acta della Cciaa di Enna, Emanuele Nicolosi – anche quest’anno partecipa alla realizzazione dell’importante manifestazione Morgantìnon che premia la qualità delle migliori produzioni olearie siciliane. La filiera olivicola rappresenta uno dei fiori all’occhiello dell’economia ennese con tradizioni colturali che affondano le proprie radici nella storia millenaria di questo territorio. La Camera è ben lieta di concorrere ancora una volta a sostenere le imprese ennesi che hanno raggiunto l’eccellenza accompagnandole alla più importante fiera del settore in Italia, il Sol, che si terrà a Verona ad aprile dell’anno prossimo».
«Siamo felici di ospitare per il quarto anno consecutivo – ha rimarcato Enrico Caruso, direttore del Parco archeologico Morgantina-Aidone – il concorso Morgantinon, che offre un’ulteriore occasione di sviluppo del connubio “cultura e coltura”, cioè arte, archeologia e paesaggio con la tradizione della coltivazione degli ulivi e del suo prodotto più qualificato: l’olio, elemento indispensabile della dieta mediterranea. Questo concorso, ormai riconosciuto come un appuntamento di rilievo nazionale, consente di mettere al centro dell’evento Morgantina, cornice e luogo simbolo della cultura, a supporto dello sviluppo economico del territorio e delle sue iniziative imprenditoriali, promossi con sempre maggiore efficacia per il distretto ennese dalle diverse istituzioni, Parco archeologico di Morgantina, Comune di Aidone, Provincia di Enna, Esa e Regione Sicilia».
«Vi è al primo posto – ha spiegato Mariella Ali, responsabile del Sicilia Sprint – la necessità di avviare dei processi di costruzione delle filiere territoriali. La realizzazione più urgente è una indagine volta ad identificare nomi, bisogni, e potenzialità delle aziende da promuovere secondo progetti modulari fondati su micro-filiere e “reti d’impresa”. Ogni azienda ha tutte le potenzialità da consentirgli di esportare con successo la propria produzione, ma trattandosi di Piccole Imprese, purtroppo in molti casi sono state riscontrate dei disagi legati alla conoscenza delle regole giuridiche, economiche e politiche del mercato di riferimento per il quale il metodo di confronto resta l’inadeguata logica territoriale. La prima azione è l’istituzione di corsi mirati alla “formazione Imprenditoriale”. Se la proposta commerciale nasce dalla rete d’impresa, una strategia di comunicazione adeguata rafforzerebbe l’identità del prodotto “Sicilia” perché il lancio dello stesso, avverrebbe nel rispetto delle regole di marketing vigenti».
«Il concorso regionale Morgantìnon degli oli extravergini d’oliva siciliani – ha concluso la preside Paola Rubino – si inserisce in quell’ obiettivo di valorizzazione dei prodotti locali che costituisce, ornai da diversi anni, finalità didattico-educativa primaria del nostro Istituto. L’olio extravergine, alimento portante e fiore all’occhiello della dieta mediterranea patrimonio dell’Unesco, deve essere valorizzato come strumento di rilancio, sia dal punto di vista salutistico che economico-turistico. L’educazione “alimentare”, che parte dalla scuola, deve proseguire in un percorso integrato di conoscenza e sana utilizzazione, che, coinvolgendo gli studenti, le famiglie e tutti i portatori d’interesse, possa favorire sempre più la diffusione degli oli e.v.o. siciliani in tutto territorio nazionale e internazionale».

Classifica 2013 Concorso Regionale Morgantinon

Morgantìnon d’Oro
AZIENDA AGRICOLA GERACE – ENNA, con l’olio “Don Carlo del Borgo Antico”

Sezione “Miglior Olio”
Fruttato Intenso
1° – SOCIETA’ AGRICOLA VERNERA – BUCCHERI (SR), con l’olio “Le Case di Lavinia”
2° – AZIENDA AGRICOLA DOTT. SERGIO GAFA’ – CHIARAMONTE GULFI (RG), con l’olio “La Casa di Lucia”

Fruttato Medio
1° – AZIENDA AGRICOLA CINQUE COLLI – CHIARAMONTE GULFI (RG), con l’olio “Cinque Colli”
2° – OLIO MERLINO S.R.L. AGRICOLA – CASTIGTLIONE DI SICILIA (CT), con l’olio “Merlino”

Fruttato Leggero
1° – MOLINO CIRINNA’ SANTO DI CIRINNA’ CLAUDIO – CANICATTINI BAGNI (SR), con l’olio “Maria Serena”
2° – OLEIFICIO RUSSO DI RUSSO ROSARIO & C. S.N.C. – RANDAZZO (CT), con l’olio “Russo”

Sezione “Miglior Olio Bio”
Fruttato Intenso
1° – SOCIETA’ AGRICOLA S.VENERA-BESI – CHIUSA SCLAFANI (PA), con l’olio “Santa Venera”
2° – AZIENDA AGRICOLA CAVASECCA – NOTO (SR), con l’olio “Cavasecca”

Fruttato Medio
1° – AZIENDA AGRICOLA GERACE – ENNA, con l’olio “Don Carlo del Borgo Antico”
2° – AZIENDA AGRICOLA FRANCESCO GRISAFI – CALTABELLOTTA (AG), con l’olio “Krisos”

Fruttato Leggero
1° – BIOLOGIC OIL DI DILIBERTO G. & C. S.N.C. – CALTANISSETTA, con l’olio “Fior di Drupa Bio”
2° – AZIENDA AGRICOLA DARIO MICHELE PALASCINO – PIAZZA ARMERINA (EN), con l’olio “Dolci Colline”

Sezione “Dop Monti Iblei”
1° – SOCIETA’ AGRICOLA VERNERA – BUCCHERI (SR), con l’olio “Le Case di Lavinia”

Sezione “Dop Val di Mazara”
1° – LA GOCCIA D’ORO S.C.A. – MENFI (AG), con l’olio “Feudotto”

Sezione “Dop Monte Etna”
1° – OLIO MERLINO S.R.L. AGRICOLA – CASTIGTLIONE DI SICILIA (CT), con l’olio “Merlino”

Menzioni speciali

 

VAL PARADISO S.R.L. – FAVARA (AG), con l’olio “Val Paradiso Bio”

AZIENDA AGRICOLA ELEONORA CIGNA – PIAZZA ARMERINA (EN), con l’olio “Cigna”

AZIENDA AGRICOLA IEMOLO THIERRY – VITTORIA (RG), con l’olio “Siré”

VIRAGI’ S.A.S. – CHIARAMONTE GULFI (RG), con l’olio “Polifemo”

CONSOLI PASQUALE & F.LLI S.N.C. – ADRANO (CT), con l’olio “Consoli Bio”

LA ROCCA & CO. S.R.L. – MONTEVAGO (AG), con l’olio “Balàt”

FRANTOI CUTRERA & C. S.N.C. – CHIARAMONE GULFI (AG), con l’olio “Primo Bio”

FRANTOI CUTRERA & C. S.N.C. – CHIARAMONE GULFI (AG), con l’olio “Primo Dop”

VAL PARADISO S.R.L. – FAVARA (AG), con l’olio “Val Paradiso”

AZIENDA AGRICOLA BAGLIO INGARDIA – PACECO (TP), con l’olio “Baglio Ingardia”

CASE PERROTTA S.R.L. – SANT’ALFIO (CT), con l’olio “Case Perrotta”

AZIENDA AGRICOLA SERRA DI MEZZO – PIETRAPERZIA (EN), con l’olio “Serra di Mezzo Nocellara Belice”

AZIENDA AGRICOLA BONANNO GIUSEPPE – BARRAFRANCA (EN), con l’olio “Tyracia Nocellara Belice”

AZIENDA AGRICOLA SERRA DI MEZZO – PIETRAPERZIA (EN), con l’olio “Serra di Mezzo Cerasuola”

 

separatore

Comunicazione dell’Associazione Inverdurata di Pachino

Carissimi amici dell’INVERDURATA di PACHINO,
per prima cosa ci preme ringraziare tutti voi per la forte partecipazione e per l’impegno dimostrato.
La manifestazione si è conclusa con grande successo da un punto di vista dell’affluenza e soprattutto per la spettacolarità dei vostri mosaici, quest’anno veramente eccezionali.
La serata di Domenica 12 Maggio ha visto decretare i 3 vincitori della decima edizione e un ulteriore vincitore che si è aggiudicato il premio della critica. I mosaici sono stati scelti e giudicati da due giurie formate da esperti nel settore della comunicazione, dell’architettura e dell’arte.
L’Associazione INVERDURATA di PACHINO si sente dispiaciuta per quanto accaduto dopo la premiazione e per alcune voci che mettono in discussione la buona fede dei giurati e della gestione dell’Associazione.
Per ovviare a queste eccessive manifestazioni di critica , peraltro importanti perche dimostrano passione e desiderio di partecipazione e di miglioramento , il consiglio direttivo dell’Associazione per l’edizione dell’INVERDURATA 2014 stilerà un nuovo capitolato di partecipazione molto dettagliato che nella 1° fase di selezione dei 18 partecipanti eliminerà ogni equivoco sulla congruità o no dei bozzetti presentati.
Un grazie di cuore a tutti!!!!
Il Consiglio direttivo inverdurata di Pachino

 

separatore

Foto dei bozzetti realizzati Inverdurata 2013

 

separatore

INVERDUARATA 2013: UN EVENTO IN ESPANSIONE

Si è chiusa con successo a Pachino la decima edizione dell’INVERDURATA, un’esposizione di mosaici vegetali. Grande affluenza di pubblico. Quest’anno si è toccato il tetto dei 10.000 visitatori che hanno percorso Via Roma, dove c’era l’esposizione dei 18 mosaici, e poi passeggiato nella grande piazza di Pachino, una delle piazze più grandi della Sicilia.

Si respirava pura energia e passione lungo Via Roma, i mosaici quest’anno erano tutti veramente belli. Difficile per la giuria scegliere i tre vincitori.

 

1° Classificato : Mosaico L’Orlando Furioso

2° Classificato : Mosaico Sicilia Bedda

3° Classificato : Decoro di fiancata di carretto

 

Quest’anno per la prima volta è stato istituito il Premio Speciale della Critica, la cui qualificata giuria ha premiato   “Piazza di Sicilia con pupo e carretto” che è un  mosaico che interpreta “Una piazza d’Italia” di De Chirico in chiave siciliana.

 

A presto con altre iniziative sull’INVERDURATA “Anima Verde dell’economia del Territorio”.

(a breve le foto dell’evento)

 

separatore