Tutta la comunità festeggia il successo dell’Inverdurata 2019 oltre 15000 presenze

inverdurata_vista-dallalto

 

 Dopo due giornate di grande affluenza, il temporale di domenica ha rilanciato ulteriormente la manifestazione, chiamando a raccolta maestri inverduratori e cittadini per ripristinare in tempo record alcuni bozzetti

 Pachino 14 maggio 2019 – Un successo oltre ogni aspettativa, rilanciato da un imprevisto climatico che ha distrutto una parte dei bozzetti,  ma ha rafforzato il valore della manifestazione e il senso di comunità: l’Inverdurata 2019, svoltasi dal 10 al 13 maggio a Pachino (SR), chiude con un consuntivo molto positivo. Il temporale improvviso che nella tarda mattinata di domenica 12 maggio ha rovinato gran parte dei 22 bozzetti, dedicati quest’anno all’Art Noveau, che i maestri inverduratori avevano con passione composto su via Cavour nella notte di venerdì 10 maggio è diventata infatti l’occasione per rilanciare la grande forza di comunità che si è espressa attraverso questa sedicesima edizione. Nel primo pomeriggio di domenica i maestri inverduratori si sono messi nuovamente al lavoro per ripristinare alcuni bozzetti, offrendo la possibilità ai numerosi viaggiatori e turisti presenti, mentre tornava il sole, di assistere in diretta alla composizione dei bozzetti, che era già avvenuta il venerdì notte.

I bozzetti vincitori sono stati:

SEZIONE ARTISTI:

  1. “Riparte il treno del vino” di Patrizia Amenta
  2. “Compriamo Siciliano” di Maria Laura Mizzi
  3. “Atar Gatis” di Anna Ucciardo

SEZIONE SCUOLE

  1. “Alla più bella” di Angelo Rizza, esecutori Scuola Primaria G. Verga plesso Mallia
  2. “Biddizzi Sicule” di Mariaconcetta Ficili, esecutori Istituto Comprensivo S. Pellico classe 2^D
  3. “Sicilia Malamuri” di Sabrina Cataudella, esecutori Istituto Comprensivo S. Pellico classe 1^C

 

“Possiamo confermare che il nostro scopo è stato raggiunto- racconta Carlo Scollo, il presidente dell’ATS Capo Pachyni che quest’anno ha organizzato la manifestazione-. Volevamo dare alla nostra città un momento di visibilità attraverso i valori che la contraddistinguono, quelli della laboriosità e dell’agricoltura. L’imprevisto del temporale ci ha dato l’opportunità, semmai ce ne fosse stato bisogno, di rafforzare il messaggio rilanciando l’iniziativa oltre ogni aspettativa”. Una manifestazione che accoglie anche il valore della sostenibilità: i 22 bozzetti vegetali sono stati confezionati con prodotti di scarto dell’agricoltura pachinese, senza dunque nessuno spreco.

 

Gli organizzatori confermano un’affluenza che ha sfiorato i 15 mila partecipanti. Molti sono stati scoraggiati dal cambiamento climatico di domenica, ma i social traboccano di messaggi di sostegno che la comunità pachinese nel mondo e, più in generale, i viaggiatori e i turisti, hanno lasciato come segno di apprezzamento e sostegno alla comunità. L’Inverdurata rappresenta solo il primo passo delle manifestazioni che l’Ats Capo Pachyni intende organizzare. Il presidente Scollo conferma che il gruppo sta già pensando a qualche manifestazione per la stagione estiva e, ovviamente, all’Inverdurata 2020.

 

L’Ats Capo Pachyni è stata costituita ad aprile 2019. Ne fanno parte il consorzio del Pomodoro di Pachino IGP, l’associazione turistica Pro Loco Marzamemi, l’associazione Culturale “Inverdurata” Pachino, l’Associazione Commerciante e artigiani di Pachino, l’Associazione Vivi Vinum Pachino, l’Associazione Strada del Vino del Val di Noto, oltre ad alcune aziende private: la società Raggio Verde, la società Casa Verde Italia, la società Campisi Salvatore e l’azienda Franco Adelfio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *